Logo Newbeauty

I Lupini: legumi forse dimenticati

Legumi dalle ricchissime proprietà


I lupini: legumi ricchi di proprietà

I lupini: legumi ricchi di proprietà

A chi di voi, quando si parla di lupini, non vengono in mente “I Malavoglia” di Giovanni Verga?

Pochi sanno in realtà cosa siano questi lupini che talvolta vengono confusi dai lettori con molluschi o frutti di mare.

Stiamo parlano invece di legumi, nello specifico sono i semi di una pianta alta fino a un metro e con foglie palmate, il Lupinus albus e hanno la dimensione di un fagiolo leggermente schiacciato.
Sembra che abbiamo origini antichissime. Gli archeologi hanno ritrovato semi di lupino nelle piramidi Egizie e nelle tombe Maya. Provengono dal bacino del Mediterraneo ed erano noti anche ai Romani che ne facevano largo uso. Oggi, più che un alimento da consumare quotidianamente, li troviamo alle sagre paesane, dove vengono venduti nelle bancarelle. Qui da noi  sono coltivati prevalentemente nell’Italia Meridionale.
La varietà più antica è quella del lupino bianco, tuttavia verso gli anni ‘30 del Novecento fecero la loro comparsa le varietà di lupino giallo e blu.

Ma veniamo alle ricchissime proprietà di questo legume: i lupini sono ricchi di proteine, amidi e zuccheri, ferro, calcio, fosforo e vitamine del Gruppo B. Visto l’elevato  numero di proteine, si consiglia di assumerli nei momenti di stanchezza e debolezza muscolare. A differenza  della carne poi, non aumentano i livelli di colesterolo.

Possono essere consumati solo dopo un lungo periodo di ammollo con ricambio d’acqua per dodici ore effettuato per tre – quattro giorni, e bollitura in acqua per venti minuti per eliminare la presenza di un alcaloide (la lupanina) che conferisce ai lupini un sapore spiccatamente amaro. Per ottenere lo snack che tutti conosciamo, occorre aggiungere circa il 10% di sale sul peso totale del lupino trasformato.

La farina di lupino viene già utilizzata, per gli intolleranti al glutine, nella preparazione di pane, pasta, biscotti, cracker, insaccati e carne in scatola. Nel futuro si potrà probabilmente adoperare questo legume anche per i sostituti del latte, yogurt, formaggi, gelati ed altri alimenti per soggetti allergici al latte.
Riscopriamo dunque questo alimento salutare e perché no, quando ci sono le bancarelle proviamo ad assaggiare, per chi non lo avesse ancora fatto, questo antico legume.

Chirurgia Estetica Vip
Chirurgia Estetica Video
Collabora con noi
Hostess e Modelle